I 10 Libri più belli che ho letto nel 2018

Il momento è arrivato. Il 2018 è finito, anche da un bel po’ di tempo ed è ora di fare dei bilanci. Quest’anno ho letto particolarmente poco, solo 29 libri, ma la quantità è ricompensata dalla qualità. Ma quali sono stati i libri che ho preferito in questo 2018? Ecco la Top 10 in questa specie di classifica. Buona lettura.

Lascerò tutti i link Amazon e ricordo che sono affiliato. Questo vuol dire che per ogni vendita effettuata attraverso un mio link ricevo una piccola percentuale. Tutto ciò che bisogna fare è cliccare sul link e effettuare tutti gli acquisti senza chiudere la finestra, oppure mettere l’articolo e acquistarlo dopo novanta giorni. Grazie mille se lo farete.

Partiamo dal fondo con un romanzo di cui ho già parlato abbondantemente, ovvero “L’Incubo di Hill House” di Shirley Jackson.

Un romanzo gotico terrificante, ma scritto divinamente che vi terrà con il fiato sospeso fino all’ultima pagina. Ne ho già fatto una recensione, che vi lascio qui: http://www.mjpsreviews.com/2018/10/14/lincubo-di-hill-house-libro-recensione/

Quest’anno è stata anche adattata in una serie-tv, di cui vi ho parlato. Ecco qui: http://www.mjpsreviews.com/2018/10/25/the-haunting-of-hill-house-serie-recensione-no-spoiler/

L’Incibo di Hill House: https://amzn.to/2RF0m26

Si procede con un romanzo di un autore giapponese molto noto: “1Q84” di Haruki Murakami. 

Romanzo diviso in tre volumi che segue la vicenda di due- e poi tre- protagonisti: Tengo e Aomame, a cui poi si unirà Ushigawa. All’inizio sembra tutto diviso, ma le strade di tutte e tre i personaggi sono destinate ad incontrarsi per procedere in una sola direzione.

Una buonissima lettura, piena di argomenti e tematiche interessanti e trattate in modo molto inconsueto. Anche di 1Q84 ho fatto una recensione, e la trovate qui: http://www.mjpsreviews.com/2018/11/09/1q84-di-haruki-murakami-recensione/

1Q84 Libri 1&2&3: https://amzn.to/2SOiXWB

Grande classico che ho recuperato quest’anno, e si è trasformato subito in uno dei miei libri preferiti, è “Casa Howard” di E.M. Forster. 

Pubblicato nel 1910 “Casa Howard” è considerato il capolavoro di E.M. Forster, e per una buona causa. Con un ottima prosa, scorrevole, ricercata ed elegante, Forster descrive i rapporti dell’alta classe borghese inglese. Rapporti freddi, tutti basati sul denaro e sulla ricchezza. Questo è lo sfondo in cui vivono le protagoniste, Margaret e Helen Schlegel, che sembrano essere le uniche due persone ad aver conservato un minimo di galanteria. Un libro super  consigliato.

Consiglio anche il film del 1992 diretto da James Ivory e adattato da Ruth Prawer Jhabvala, con Anthony Hopkins, Emma Thompson e Helena Bonham Carter.

Casa Howard: https://amzn.to/2H6ZT4G

Altro gran libro che ho recuperato solo quest’anno è stato: “La Svastica sul Sole” di Philip K. Dick, conosciuto anche come “L’uomo nell’alto Castello”

Romanzo ucronico del 1963 che immagina un mondo in cui sia stato l’asse Roma-Berlino-Tokyo ad aver vinto la Seconda Guerra Mondiale, e lo fa in una maniera eccellente. Questo non è un romanzo di fantascienza, o solo di ucronia, è proprio letteratura. La scrittura di Dick è bellissima e curata e questo libro vale davvero la pena di essere letto. Ne ho fatto anche una recensione, che trovate qui: http://www.mjpsreviews.com/2018/04/25/la-svastica-sul-sole-the-man-in-the-high-castle-di-philip-k-dick-recensione/

Non ho ancora visto la serie-tv che ne ha tratto Amazon Prime, ma prima o poi lo farò, e vi farò sapere cosa ne penso.

La Svastica sul Sole: https://amzn.to/2RouBuy

Romanzo che chiude questa “bottom-five” è una delle mie ultime letture dell’anno, e si tratta de “Il Miglio Verde” di Stephen King.

Romanzo che conoscono senz’altro tutti, anche grazie all’omonimo film, e, per il momento, il miglior romanzo di King che abbia letto. Uno dei pochi scritti non di genere di King che vede come protagonista una vecchia guardia di un carcere che ci racconta in flashback di quando arriva uno strano uomo di colore nella sua prigione e degli avvenimenti strani che ne seguono.  Un libro forte, commovente e pieno di realismo magico e religioso. Recuperatelo se vi manca.

Consiglio anche il film di Frank Darabont con Tom Hanks e Michael Clark Duncan. Un buon prodotto, anche se non ai livelli del libro.

Il Miglio Verde: https://amzn.to/2RnqTBB

Ed eccoci arrivati in top-5. Pronti a scoprire quali sono i cinque libri che mi sono piaciuti di più quest’anno?

Si riparte con il botto con “Il Racconto dell’Ancella” di Margaret Atwood.

Un romanzo stupendo tanto quanto raccapricciante. La Atwood, la cui prosa scorre leggera come un fiume, costruisce un mondo in cui le donne hanno perso tutto: il diritto di voto, di parola, di poter avere dei beni, il nome e anche la fertilità. Le uniche che possono avere figli sono fatte ancelle e date ad una delle tante famiglia facoltose di Gilead per rimanere incinta e poi passare ad un altra famiglia. Un romanzo molto attuale per i nostri tempi e che ci fa capire come è facile perdere tutto quello che si da per scontato.

Super-consigliata è la serie. Devo ancora vedere la seconda stagione, ma la prima è una bomba. Guardatela.

Il Racconto dell’Ancella: https://amzn.to/2RkKcvt

Altro grande classico recuperato è stato “Ragione e Sentimento” di Jane Austen, che ho scoperto di adorare. 

Un romanzo straordinario! Due sorelle, Eleanor e Marianne, sono le protagoniste di questo capolavoro, la prima rappresenta la ragione, l’altra il sentimento, l’impulsività. Entrambe si troveranno invischiate in situazioni amorose e l’affronteranno in maniera assai diversa. Con uno stile audace ed ironico, la Austen dà uno spaccato perfetto dell’Inghilterra della sua epoca e delle relazione all’interno della fascia borghese. Lettura consigliatissima.

Anche in questo caso vi consiglio la trasposizione cinematografica, diretta da Ang Lee e scritta da Emma Thompson, che ha vinto l’Oscar come Miglior Sceneggiatura Adattata.

Ragione e Sentimento: https://amzn.to/2AJaKfn

E siamo finalmente arrivati sul podio e si inizia con un’italiana. Sto parlando di Elena Ferrante e del suo famosissimo lavoro “L’Amica Geniale”. 

Primo di quattro romanzi dell’omonima serie, il libro ci parla dell’amicizia tra Lenù e Lila, due bambine, e poi ragazze, che crescono in un rione nella Napoli degli anni ’50. Prima volta che mi sono approcciato alla Ferrante e ne sono uscito innamorato. Ha una prosa per nulla complicata, scorrevole e reale. Riesce a descrivere tutto in poche parole. Perciò, su, correte in libreria.

Ovviamente ho anche visto la serie-tv Rai-HBO e vi consiglio anche quella. Molto fedele alla pagina e alla magia che si crea leggendo il libro. Saverio Costanzo ha saputo catturare l’essenza di questo meraviglioso romanzo.

L’Amica Geniale: https://amzn.to/2Rktg8e

Per gli ultimi due romanzi si ritorna in Inghilterra. E cominciamo con “Non Lasciarmi” di Kazuo Ishiguro, premio Nobel per la letteratura 2017. 

Un romanzo fortissimo che sconvolge emotivamente il lettore. Non Lasciarmi è un romanzo di formazione con un po’ di fantascienze e distopia che racconta di Kathy, una ragazza che fa l’assistente. Cosa vuol dire? Leggete il romanzo e capirete. Ve ne ho scritto una recensione, eccola: http://www.mjpsreviews.com/2018/04/04/non-lasciarmi-di-kazuo-ishiguro-recensione/

Non ho visto il film perché ne sono molto scettico. Non credo abbia molto senso un film di questo libro. Se voi l’avete visto, scrivetemi qua sotto e ditemi cosa ne pensate.

Non Lasciarmi: https://amzn.to/2RjoNmd

E chiude questa “classifica” un altro romanzo di Ishiguro, ovvero “Quel che Resta del Giorno”, vincitore del Man Booker Prize nel 1989.

CAPOLAVORO ASSOLUTO! Il mio libro preferito dell’anno. Protagonista è Mr. Stevens, un maggiordomo che attraverso il suo primo viaggio nella campagna inglese, ripenserà a tutta la sua vita a servizio di Lord Darlington, suo vecchio signore, e alla vecchia governante, Miss Kenton, per cui ha sempre provato un forte sentimento che ha represso. Un altro romanzo emotivamente sconvolgente che affronta una miriade di temi, in una maniera più che profonda e soddisfacente. Dovete assolutamente leggerlo.

Anche da questo libro ne è stato tratto un film e ve lo consiglio. Diretto da James Ivory, scritto da Ruth Prawer Jhabvala e interpretato da Anthony Hopkins e Emma Thompson, Quel che resta del giorno è uno dei migliori film degli anni ’90.

Quel che Resta del Giorno: https://amzn.to/2RqYI4V

Questa era la mia lista dei dieci libri più belli letti quest’anno. Ma ora sono curioso di sentire la vostra. Commentate qui, oppure scrivetelo su Twitter. Come volete. Spero che alcuni di questi titoli vi abbiano interessato, vi ringrazio di aver letto e, se vi è piaciuto l’articolo, condividetelo e seguite il blog, o tramite la vostra e-mail o tramite Twitter. Grazie e alla prossima.